E’ stato assegnato a Reinhold Messner il Premio Palladio, attribuito a chi abbia realizzato negli ultimi vent’anni, con continuità d’impegno e di visione, in sintonia con uno o più architetti, una pluralità di opere che siano risultate significative per il progresso culturale, sociale ed economico della comunità per la quale sono state costruite.

Questa la motiviazione: “Reinhold Messner s’è generosamente impegnato per trasmettere la propria sensibilità culturale ed estetica, sviluppata in una moltitudine di esperienze e spedizioni e ciò l’ha spinto a promuovere e a diventare egli stesso committente di architetture, pensate come stanze per custodire ricordi e tradizioni. La Montagna rappresenta il filo conduttore nell’ideazione dei Messner Mountain Museum (MMM) e diventa il luogo ideale, eletto per la realizzazione della nuove architetture e allo stesso tempo è il tema centrale delle esposizioni. La tutela e il rispetto per il paesaggio naturale e per il patrimonio costruito delle Dolomiti diventano i temi che in ogni MMM sono declinati attraverso un’attenta scelta dell’architetto e delle forme e ciò ha permesso ai musei d’inserirsi, con forme contemporanee, in armonia e in continuità con le tradizioni e con il contesto in cui sono realizzati, sottolineando e amplificando le specificità dei luoghi”.

Sui numeri di maggio e giugno del nostro mensile il giornalista Osvaldo Ferretti ha presentato un eccezionale reportage – diviso in due parti – dedicato ai musei di Messner e ha avuto modo di intervistare Reinhold Messner, che conosce da tempo.

A Reinhnold Messner  inviamo i complimenti dell’editore e della redazione tutta!