Dal 20 aprile Hobby ha ripreso la produzione in diversi fondamentali reparti. La società ha utilizzato il tempo di arresto per adottare rigide precauzioni di sicurezza al fine di proteggere dalle infezioni i dipendenti.

I cosiddetti hot spot igienici sono stati allestiti in ogni area di produzione e sono stati dotati anche di mascherine, occhiali di sicurezza e disinfettanti. La pianificazione e i processi di produzione sono stati riorganizzati per consentire il rispetto delle distanze di sicurezza; istituiti anche passerelle di nuova concezione in zone critiche e tempi di pausa divisi per aree, assicurando che i dipendenti dell’azienda possano lavorare senza rischi.

Christian Pahl, responsabile del dipartimento per la sicurezza sul lavoro, ha dichiarato come sia obbligatorio indossare le mascherine nei bagni e nei corridoi, al timbro del cartellino e specialmente nelle aree di lavoro di più ridotte dimensioni. Le regole di comportamento sono visibilmente illustrate in tutta l’azienda.

Inoltre, Hobby si è confrontata con il dipartimento sanitario per quanto riguarda le proprie direttive. Le mascherine per i quasi 1.200 dipendenti, lavabili a 60 gradi, sono state prodotte dal reparto cucitura interno di Hobby secondo criteri di igienizzazione indicati da esperti. Ogni dipendente verrà dotato di 5 mascherine prima di iniziare il turno.