Si è svolto presso la sede di Hobby a Fockbek dal 7 al 9 novembre scorsi un seminario tecnico destinato ai concessionari italiani, coreani, mongoli e cinesi.

Non è la prima volta che la casa tedesca organizza incontri tecnici con la rete vendita e assistenza, ma non aveva mai previsto un seminario così approfondito.

Per quattro giorni i tecnici dei concessionari italiani hanno avuto a disposizione lo staff specializzato del costruttore tedesco per scoprire ogni dettaglio utiizzato da Hobby nella realizzazione di camper e caravan; i parteicipanti hanno approfittato dell’occasione per perfezionare le tecniche di riparazione, conoscere a fondo i numerosi componenti, molti dei quali, come il telaio, le plastiche, il mobilio, sono costruiti da Hobby stessa.

Una parte rilevante del corso di aggiornamento è stata riservata al sistema Hobby Connect che da questa stagione prevede anche MyHobby App, un software che permette di dialogare con la strumentazione di bordo anche tramite dispositivi mobili quali smartphone o tablet. Il cuore del sistema è l’Hobby CI-BUS onboard management system, cioè un protocollo di trasmissione in grado di comunicare con tutti i dispositivi di bordo, inclusi sistemi di condizionamento/riscaldamento o sistemi di ricezioni satellitare.

Fino all’anno scorso la gestione avveniva unicamente attraverso un pannello di comando con schermo lcd. Ora alla centralina si affianca la nuova MyHobby App, in grado di connettersi al mondo via Internet e di fornire al campeggiatore molti servizi aggiuntivi, quali ad esempio l’elenco dei centri di assistenza, dei campeggi, della aree di sosta.