Il coronavirus ha interessato e continua a colpire quasi tutti i settori e le aziende, compresi i produttori di veicoli ricreazionali. Knaus Tabbert GmbH ha ripreso la produzione negli stabilimenti di Jandelsbrunn e Mottgers lo scorso 6 maggio dopo un arresto di diverse settimane. L’amministratore delegato Gerd Adamietzki ha commentato: “Questo è un importante passo verso la normalità, che è stato possibile solo perché i fornitori della regione sono stati anche in grado di riprendere la produzione e abbiamo adottato misure per proteggere la salute dei nostri dipendenti. Knaus Tabbert osserva e valuta sviluppi passati e attuali molto da vicino – al fine di rendere la routine di lavoro quotidiana il più sicura possibile per i dipendenti; sono stati  infatti implementati i sistemi di sicurezza e igiene, tra questi la temperatura corporea, che viene misurata agli ingressi, e la dotazione di  maschere, che sono obbligatorie in tutti i reparti dell’azienda. Ulteriori misure di protezione, come le stazioni di disinfezione, sono installate in tutti i locali di passaggio. I tempi di pausa sono stati ripianificati in turni, in modo tale che il minor numero possibile di colleghi si trovi nella mensa contemporaneamente e la distanza di sicurezza necessaria possa essere mantenuta grazie a un orario di lavoro flessibile e alla suddivisione di alcuni dipartimenti. La salute dei dipendenti e dei visitatori ha la massima priorità in tutte le decisioni dello staff dirigenziale e anche i partner commerciali sono supportati con molta assistenza.
Nella sola sede principale di Jandelsbrunn, nella Bassa Baviera, vi sono circa 1500 dipendenti e nella fabbrica Tabbert di Mottgers circa 400 dipendenti.