Tesori artistici si lasciano svelare nella Chiesa di San Francesco del Prato, gioiello gotico di Parma, che riaprirà al pubblico e al culto l’8 dicembre 2020, dopo una grande opera di restauro collettiva, tuttora in corso. Per ammirarli da un punto di vista privilegiato, da dopo Pasqua fino al 19 luglio,  riprendono le speciali visite guidate in quota, che permettono di osservare da vicino il rosone a 16 raggi creato da Alberto da Verona nel 1462, con la grande cornice di terracotta policroma. Le visite guidate, della durata di un’ora, cominciano con la narrazione della storia della Chiesa, che fu trasformata in carcere nel periodo napoleonico e  dove furono imprigionati anche personaggi noti come Giovannino Guareschi, per poi salire in quota attraverso un ponteggio speciale dotato di ascensore e passerella per le persone con difficoltà motorie, Una magnifica opportunità per  guardare dall’alto non solo il bellissimo rosone, ma anche  il panorama sorprendente che si apre sull’anima storica della città parmigiana e sul vicino Duomo di Parma. La salita in quota avviene in più turni:  il primo alle 9 e l’ultimo alle 18 (fino al 31/5) o alle 19 (dopo il 31/5), a gruppi di 10 persone.