Un itinerario storico-naturalistico dalla residenza di Ludovico Ariosto fino alla Reggia di Rivalta.

Da Reggio Emilia per 14 chilometri in biciletta con tappe tra musei, parchi e oasi naturali. Da Via Emilia San Pietro, che incrocia Padiglione Lombroso, oggi Museo di Storia della Psichiatria, e si snoda in un grande parco.  All’interno sono dislocati edifici di varia tipologia ed epoca. Proseguendo, si incontra la villa rinascimentale del “Mauriziano”. Fu dimora estiva del poeta Ludovico Ariosto, autore dell’ Orlando Furioso. Percorrendo il viale di ingresso ci si trova nel Parco del Rodano, diviso in due sezioni. Una con piante che rispettano i criteri degli antichi parchi. L’altra, tra il corso del Rodano e quello dell’Ariolo, si estende in una zona marcata da una vegetazione più selvatica. Seguendo la segnaletica e pedalando si arriva al parco fluviale del Crostolo che conduce alla Reggia di Rivalta. Il parco si caratterizza per la presenza di significativi valori storico-culturali, come il sistema delle dimore estensi: la Reggia di Rivalta, Villa d’Este con la Vasca di Corbelli e Villa Rivaltella. La Reggia di Rivalta appartenne alla Duchessa Carlotta d’Orléans e al suo sposo il Principe Francesco III d’Este, una dimora sfarzosa che ricorda il grandeur parigino